Enzalutamide nel trattamento del cancro alla prostata


Enzalutamide ( Xtandi ) è un inibitore del recettore degli androgeni per via orale mirato a più passaggi nella via di segnalazione del recettore degli androgeni.
Nello studio randomizzato di fase III AFFIRM, sono stati osservati miglioramenti significativi nella sopravvivenza rispetto al placebo quando Enzalutamide è stato utilizzato come trattamento per i pazienti con cancro alla prostata metastatico resistente alla castrazione ( mCRPC ) dopo un precedente trattamento con Docetaxel.

Ulteriori vantaggi hanno incluso un significativo ritardo nel tempo al primo evento scheletrico, e miglioramenti in varie misure del dolore e della qualità di vita connessa alla salute.

Gli effetti del trattamento sono stati costanti in tutti i sottogruppi prespecificati.

Lo studio di fase III PREVAIL ha valutato Enzalutamide rispetto al placebo nei pazienti con carcinoma prostatico resistente alla castrazione metastatico che non avevano ricevuto chemioterapia.
Enzalutamide ha diminuito in modo significativo il rischio di progressione radiografica e di mortalità.
Ci sono stati anche significativi miglioramenti in tutti gli endpoint secondari ed esplorativi prespecificati, compreso il ritardato nell’inizio della chemioterapia, riduzione del rischio di primo evento scheletrico e alta percentuale di pazienti con risposta obiettiva rispetto al placebo.

Enzalutamide è stato studiato anche in pazienti naïve agli ormoni come monoterapia in un piccolo studio di fase II, in aperto, in pazienti con cancro alla prostata eleggibili per la terapia di deprivazione androgenica.
Una risposta PSA ( antigene prostatico specifico ), definita come calo dei livelli di PSA dell’80% o più rispetto al basale alla settimana 25, è stata raggiunta nel 92.5% dei pazienti.
Il follow-up a lungo termine è in corso.

Nonostante le differenze tra questi tre studi, Enzalutamide ha mostrato un profilo di sicurezza favorevole in tutte e tre le popolazioni di pazienti.
Tassi simili di eventi avversi tra i gruppi Enzalutamide e placebo sono stati osservati in AFFIRM e PREVAIL, con fatica, diarrea, mal di schiena e vampate di calore più comuni con Enzalutamide che con placebo.

L'ipertensione è stata segnalata a un tasso più alto nel gruppo Enzalutamide rispetto al gruppo placebo in PREVAIL.
Disturbi della mammella associati al trattamento con Enzalutamide sono stati segnalati anche nello studio in monoterapia.
Pochi eventi convulsivi sono stati segnalati in ogni stadio.
Enzalutamide è in fase di studio in diverse popolazioni con malattia in stadio precoce. ( Xagena2015 )

Merseburger AS et al, Ther Adv Urol 2015; 7: 9-21

Xagena_UrologiaOncologica_2015



Indietro